Il counseling di crisi e decisionale

Dopo aver visto in cosa consiste il counseling informativo, prendiamo ora in considerazione quello di crisi e decisionale. Spesso, infatti, anche i logopedisti effettuano questo tipo di counseling, senza esserne tuttavia consapevoli.

Nel corso del trattamento logopedico, il paziente  (o la sua famiglia, nel caso di bambini) può dover affrontare situazioni difficili e prendere decisioni sofferte in relazione alla propria salute. In tale fase è importante sostenere la persona e aiutarla a riorganizzarsi per far fronte alla patologia, e ciò avviene proprio grazie al counseling di crisi.
In tal modo è possibile gestire i momenti critici ed affrontarli a mano a mano che si presentano.

Il counseling decisionale, invece, permette di guidare l’individuo verso scelte consapevoli e ragionate.
Per questo motivo, il suo presupposto fondamentale è il counseling informativo, che fornisce gli elementi indispensabili per effettuare una scelta.

In ambito sanitario, i processi decisionali del paziente sono comunque facilitati dall’esistenza di linee guida, protocolli e procedure standard, che permettono una scelta più efficace sulla base delle evidenze cliniche.

Conoscere i meccanismi del counseling di crisi e decisionale è importante, sia per una gestione migliore che per riuscire a comprendere quando ciò non è sufficiente a garantire un buon equilibrio bio-psico-sociale, ma diventa invece necessario un aiuto psicologico specifico.

Tags , , , , , , ,

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *